Il cibo è donna: viaggio tra le colline toscane per conoscere 3 alfiere del Made in Italy

Coltivando i tesori della terra ci siamo ritagliate un lavoro di successo ed una vita dal ritmo umano C’è un’Italia femminile che lavora nei campi per ottenere un cibo di qualità, facendo tesoro degli antichi saperi e valorizzando il territorio. Sono le donne che hanno deciso di dedicarsi all’agricoltura per produrre quelle che in tutto […]

Coltivando i tesori della terra ci siamo ritagliate un lavoro di successo ed una vita dal ritmo umano

wine-1761613_960_720-e1539597050161 Il cibo è donna: viaggio tra le colline toscane per conoscere 3 alfiere del Made in Italy

C’è un’Italia femminile che lavora nei campi per ottenere un cibo di qualità, facendo tesoro degli antichi saperi e valorizzando il territorio. Sono le donne che hanno deciso di dedicarsi all’agricoltura per produrre quelle che in tutto il mondo sono riconosciute come le più preziose testimonianze del made in Italy: vino, olio, formaggi e prodotti della terra.

Una scelta sempre più comune: negli ultimi anni la presenza femminile nel settore  è aumentata del 27%. In fondo, chi meglio delle donne conosce l’importanza del cibo?

Caterina, enologa, produce il Chianti Classico, il Vino Nobile di Montepulciano ed il Brunello di Montalcino

“Sono cresciuta tra le vigne, ma mi emoziono ancora. Sono fiera dei nostri vini: piacciono anche a Bill Gates”.

Caterina, ha seguito le orme di famiglia. Il padre, enologo, nel 1967 insieme ad un socio ha fondato la Carpineto, un’azienda vitivinicola in Toscana. Al momento di iscriversi all’Università, ha scelto la Facoltà di Enologia. Durante gli studi ha fatto anche esperienze all’Estero, in Australia ed in Francia e poi ha cominciato a lavorare a pieno ritmo nell’azienda di famiglia.

Oggi, Caterina, con il suo staff di circa 30 persone, segue la vite tutto l’anno, dalla ripresa vegetativa alla raccolta e decide il momento giusto per la vendemmia. L’obiettivo è ottenere, nelle buone e nelle cattive annate, il prodotto migliore.

Silvana, ha un caseificio a Montepulciano, produce formaggi di nicchia

cheeses-1433514_960_720-e1539597127156 Il cibo è donna: viaggio tra le colline toscane per conoscere 3 alfiere del Made in Italy

Il caseificio è nato nel ’62 con i genitori. Silvana non è cresciuta con l’idea di fare questo lavoro, ma quando ha finito le scuole superiori si è ritrovata a dare una mano. Insieme alla sua famiglia, produce 20 tipi di formaggio, frutto delle testimonianze dei contadini del posto. Sono prodotti di nicchia: non si trovano nei supermercati, si possono acquistare nel negozio all’interno del caseificio.

Una delle più grandi soddisfazioni è stato arrivare secondi al World Cheese Award 2016 grazie al Pecorino Gran Riserva, una forma di 10 kg che stagiona oltre 18 mesi in cantina.

Francesca, olivocoltrice, produce olio extravergine di oliva

olive-oil-968657_960_720-e1539597159590 Il cibo è donna: viaggio tra le colline toscane per conoscere 3 alfiere del Made in Italy

Francesca ha vissuto dieci anni negli Usa, poi è tornata. E grazie all’olio di qualità è diventata un alfiere del Made in Italy. La sua è una qualificatissima produzione con le classiche varietà toscane (Frantoio, Moraiolo, Leccino, Pendolino). Oltre il 50% del prodotto è esportato all’Estero.

 

 

 

Lascia un commento