Uva, il frutto che annuncia e addolcisce l’autunno

Originaria della Grecia, ancora prima che in Italia arrivò in Francia, portata dai Fenici, che già apprezzavano le sue qualità.

Ricchissima di vitamine, sali minerali e zuccheri, l’uva aiuta a stimolare l’appetito

Sin dal suo arrivo in Italia, sono note le sue proprietà diuretiche e disintossicanti.

Le varietà sono tante ma vengono suddivise in due gruppi: quelle a buccia bianca, con acini di colore giallo e quelle di colore nero, a cui appartengono anche le rosate e le grigie.

Nel primo gruppo rientrano: l’Italia, la più pregiata, con acini grossi e croccanti; la Regina di forma allungata; la Moscato, molto dolce; la Thompson, priva di semi.

Tra le nere ricordiamo la Cardinal, con acini tondi e croccanti e la Concord di origine americana.

A seconda poi dell’utilizzo finale, si distinguono in uve da tavola ed uve da vino, anche se la distinzione non è netta e sono numerose le varietà utilizzate per entrambi gli usi. Vanno ricordate anche quelle da essiccare. La più conosciuta è la Sultanina, di piccole dimensioni ma sono diffuse anche quella di Corinto di colore tendente al blu e la Malaga, con acini grossi di colore chiaro.

Quali sono le proprietà dell’uva?

L’uva è ricchissima di vitamine, sali minerali e zuccheri. Stimola l’appetito ed ha proprietà diuretiche e lassative. E’ anche molto nutriente, tanto che qualcuno l’ha ribattezzata il “latte-latte”.

Ha una sola controindicazione: essendo ricca di zuccheri (in un kg ce ne sono 150 g) dovrebbe essere evitata da chi soffre di diabete.

Riguardo la pulizia, si consiglia di lavarla molto bene sotto l’acqua corrente al fine di togliere ogni traccia indesiderata.

La buccia a volte può essere un pò spessa e può dar fastidio: si può eliminare ma richiede pazienza! Della pianta si usano le foglie: nella cucina greca e mediorientale vengono sbollentate, farcite, soprattutto con riso e cotte in umido.

Consigli utili su come acquistare la giusta uva

Preferite sempre grappoli con il gambo di colore verde brillante e sempre turgido, mai secco.

Controllate che gli acini siano ben attaccati al picciolo perchè con il tempo tendono a staccarsi. Per conservarli al meglio, sistemateli in un solo strato in un cesto di vimini, in modo che l’aria possa circolare tra i chicchi che così non marciranno. Consumate l’uva sempre entro una settimana al massimo, a meno che non sia già piuttosto matura al momento dell’acquisto. In questo caso meglio tenerla in frigo.

VUOI RICEVERE LE MIGLIORI OFFERTE DELLA SETTIMANA?

Non aver paura. Non inviamo spam! Riceverai solo le offerte migliori

Sarei felice di sapere come la pensi

      Leave a reply

      Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Scopri la nostra politica sui cookie.

      Impostazioni

      Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

      Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

      In order to use this website we use the following technically required cookies
      • wordpress_test_cookie
      • wordpress_logged_in_
      • wordpress_sec

      Usiamo WooCommerce come sistema di acquisto. Per il carrello e l'elaborazione degli ordini verranno memorizzati 2 cookies. Questi cookie sono strettamente necessari e non possono essere disattivati.
      • woocommerce_cart_hash
      • woocommerce_items_in_cart

      Rifiuta tutti i Servizi
      Accetta tutti i Servizi
      Register New Account
      Reset Password